La Valle del Fortore e il progetto pilota ALL-interno. Per far sbocciare comunità produttive

Al confine tra Molise, Puglia e Campania c’è l’area definita Valle del Fortore. Prende il nome dal fiume, l’antico Frentone, che nasce dal Monte Difesa di S. Luca, in provincia di Benevento e sfocia nell’Adriatico. Siamo in Molise e parliamo di un territorio ricco di pascoli, zone boschive, oliveti, vigneti e frutteti. Di un’area naturalistica e paesaggistica di elevata qualità che conta anche l’invaso del lago di Occhito. Di una vallata collinare, di circa 500 km quadrati per 23mila abitanti, costituita da 12 Comuni: Campolieto, Cercemaggiore, Gambatesa, Gildone, Jelsi, Macchia Valfortore, Monacilioni, Pietracatella, Riccia, Sant’Elia a Pianisi, Toro e Tufara.

In questi posti, ameni e silenziosi ma ricchi di potenzialità, si concentra l’attenzione del progetto di animazione territoriale ALL-interno. L’area, come molte zone periferiche del Centro Sud Italia, soffre di carenza di lavoro. Con questa iniziativa la cooperativa JustMO’, con Legacoop Molise e Generazioni Legacoop (gli under 40), si sta attivando per coinvolgere le comunità, incontrare le persone e accompagnarle in un percorso di crescita sostenibile ed efficace.

Continua a leggere sul Colibri

Entusiasmo e idee per i primi incontri del team ALL-interno nei comuni del fortore

Partire in tempi di necessaria distanza, per un progetto che fonda le sue radici nella volontà dell’incontro e della comprensione dello spirito dei territori, non è facile ma ce l’abbiamo fatta!

Si sta per concludere la prima fase del progetto ALL-interno: il tour dei paesi dell’Area del Fortore per incontrare i Sindaci e gli amministratori comunali, presentare il progetto, ascoltare le loro idee e comprendere verso quale futuro volgono il loro sguardo.

Gli incontri si sono tenuti sia in presenza che in modalità online e hanno visto la partecipazione fondamentale, affianco ai mediatori di JustMo’, della Presidente di Legacoop Molise, Chiara Iosue, per informare gli amministratori sulle possibilità che la cooperazione offre, soprattutto alle piccole comunità.

Ai Sindaci, che ci hanno accolto con la consueta affabilità propria dei nostri territori nonostante il periodo di grande difficoltà vissuto da chi ricopre un ruolo di responsabilità, abbiamo chiesto di sostenerci nel coinvolgimento della comunità e nell’individuazione di persone e idee che possano trovare nel progetto un’occasione di crescita e di sviluppo.

E i Sindaci hanno mostrato tutta la loro caparbietà e la loro determinazione nel credere in un futuro sostenibile per i propri cittadini, mettendosi a disposizione come promotori e mediatori del progetto nelle comunità.

E noi non vediamo l’ora di incontrare idee, sorrisi e sguardi con i quali condividere una visione di futuro.